La Redazione
Oltre 300 articoli disponibili
Gli articoli dei Ligabue Magazine sono acquistabili in formato digitale direttamente nel sito. Cerca l'argomento o l'autore che più ti interessa
Novità per abbonamenti
Ligabue Magazine n° 74
Abbonati Subito
Il Magazine
Per saperne di più... Da 30 anni questa ricca ed elegante pubblicazione, è l’insostituibile lettura di chi percorre le vie del mondo alla ricerca della conoscenza. La rivista del Gruppo Ligabue esprime lo spirito del Centro Studi e Ricerche Ligabue.... Maggiori Informazioni
Il compleanno dell’Oranosauro

Gli ultimi 40 anni li ha passati al museo di Storia Naturale di Venezia. Ma ha più di 100 milioni di anni l'”Oranosaurus Nigeriensis”, il grande dinosauro ritrovato nelle sabbie del Tenerè da una spedizione organizzata da Giancarlo Ligabue e il professor Philippe Taquet nel Niger tra il 1971 e il 1973. È stato Philippe Taquet a rievocare quell'impresa - la “spedizione zero”, come l'ha descritta Giancarlo Ligabue - l'esplorazione scientifica dalla quale sarebbe poi nato il Centro Studi e Ricerche. Il professor Philippe Taquet - membro del comitato scientifico del CSRL, e dal gennaio 2013 presidente dell'Accademia delle Scienze di Francia - ha tenuto ad ottobre una lectio magistralis all'Università di Ca' Foscari sulla storia delle scoperte di resti fossili di dinosauri nel Nord dell'Africa. Accolto da Massimo Casarin, vicepresidente del CSRL e da Inti Ligabue, oltre che dal professor Ettore Cingano, prorettore per la Ricerca, e dal professor Filippo Maria Carinci, Taquet ha percorso la storia della palentologia nel Magreb e anche la sua. In particolare quando, nel 1965 quando lui aveva 25 anni, gli venne chiesto di studiare le ossa fossili affioranti nel deserto del Tenerè, rilevate durante una spedizione geologica. Da quell'esperienza partì la sua ricerca; e la successiva collaborazione con Giancarlo Ligabue. Nella stessa giornata si è tenuto al Museo di Storia Naturale un incontro che ha rievocato la spedizione nel
Tenerè che permise di portare in Italia, proprio nel museo veneziano, i resti fossili di un dinosauro e di un enorme coccodrillo. Il responsabile del Museo, Mauro Bon, ha presentato agli invitati alla cerimonia il lavoro del professor Taquet che ha illustrato la storia della lunga collaborazione con il CSRL e consegnato negli archivi del Museo alcune rare fotografie in bianco e nero dell'arrivo in decine di casse del dinosauro a Venezia.

19/01/2013